Paninetti al latte e burro

Paninetti al latte e burro

E’ iniziato tutto una domenica mattina, passata a casa tra noi “pfemmine“, mente i “machi” si divertivano sulle piste innevate:
“facciamo la pasta di sale mamma?”
“Sì…ma se facessimo invece il pane, così impastiamo assieme?”
“Ti, anche io ti aiuto mamma, anche io, corro a prendere il mio grembiulino”

E così, ci siamo date da fare con le mani in pasta,  ognuna la sua ciotola, e abbiamo prodotto una buona quantità di paninetti per la prima colazione, buonissimi, profumati di burrrrrooo (ops, bulllo) , che se non stavo attenta la puffetta se lo mangiava in gran velocità – ma come si fa a mangiare il burro crodo a morsi??!! bah, solo lei può!

Li abbiamo provati sia in versione dolce, con marmellata, cioccolato, burro e zucchero, ma anche con burro e salmone che qui va alla grande :)

Piccole donne impastano

BOCCONCINI DI PANE AL BURRO

Ingredienti:
300 gr di farina 0
200 gr di farina 00
300 ml di latte
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaino di miele
50 gr di burro
25 gr di lievito di birra
un pizzico di sale

Procedimento:
La ricetta originale prevedeva di iniziare la sera prima, ma noi non avevamo tempo,
quindi abbiamo iniziato con sciogliere il livito un poco latte tiepido,
preparato poco lievitino con 100 gr di farina ed il lievito con il latte ed il miele, fino ad ottenere un impasto mobido ma non liquido, messo a liveitare fino al raddoppio, circa 2 h.

Poi in una ciotola capiente versato le farine, il lievitino, il burro ammorbidito, il restante latte, impastato un po’ e poi aggiunto pizzico di sale,
impastato bene bene fino ad avere l’impasto liscio,
quindi messo a lievitare 2 ore in forno spento, coprendo con un panno umido.

Trascorso il tempo, fare un salame con l’impasto e prelavare tante palline da 35gr circa,
cercare di farle lisce il più possibile, portando i lembi dell’impasto sotto con pizzico, e poi rotolarli nella spianatoia con il palmo della mano (i miei non sono venuti lisci lisci, c’era chi voleva fare i buchetti :-) )
disporre le palline ben distanti sulla placca da forno, ci vorranno 2 placce,
coprire e mettere a lievitare sempre in forno;

Dopo 2 ore accendere il forno a 180°, spennelare se si vuole la superficie con latte,
ed infornare a forno caldo, non ricordo il tempo preciso, ma credo meno di mezz’ora
farli uscire quando saranno appena appena dorati.

Se avanzano, si conservano in congelatore, basta toglierli la sera prima, e magari scaldarli poco prima di colazione, ottimi!

La ricetta l’ho presa qui:

http://aniceecannella.blogspot.it/2009/03/bocconcini-di-pane-al-burro-e-100.html

è una garanzia!

Torta Chiffon de Naranja

“Esta es una torta que queda muy rica, suave y esponjosa, y además muy rendidora”

Ri-torta di arancia, questa versione però è più leggera e soffice dell’altra più ricca a burrosa, mangiabile anche da chi è intollernte al lattosio visto che è l’olio l’unica fonte di grassi;
ricetta copiata dalla comida Uruguaiana ( a me ispirano le torte all’arancia sudamericane :-) )
unica variazione: ho variato la guarnizione con lo schiroppo proposto dalla ricetta originale a favore dello sciroppo già collaudato della vecchia ricetta, spremuta+ralllatura+zucchero portato al bollore fino alla “piccola bolla”.

Ingredienti:
2 tazze ed 1/3 di farina 00
1 e ½ tazza di zucchero
3 cucchiaini di cremor tartaro
½ tazza di olio di semi
6 uova
¾ tazza di spremuta d’arancia
1 cucchiaio di zucchero

per lo sciroppo:
1 tazza di spremuta d’arancia
1 tazza di zucchero
raschiatura della bucchia d’arancio

Procediemento:
setacciare la farina, aggiungerci il lievito;
Unire in una cotola i tuorli, l’olio, la buccia d’arancia e la spremuta, quindi mescolare;
aggiungere lo zucchero e sbattere bene per qualche minuto;
Aggiungere gli ingredianti liquidi alla farina, mecolando sempre.
Infine montare le chiare a neve con un cucchiaio di zuccero ed incorporare al composto,
infornare in uno stampo a ciamblella in forno preriscaldato a 170° per un’oretta circa.
Far raffreddare la torta capovolta, sorreggendla dalla parte del tubo in modo che la torta no venga schiacciata.

Quando si sarà raffredata, preprarare lo sciroppo finchè non sarà denso,
versarlo spennerndolo su tutta la superficie del dolce

Ingredientes: 2 y 1/3 taza de harina, 1 y ½ taza de azúcar, 3 ctas de polvo de hornear, pizca de sal, ½ taza de aceite, 6 yemas, ¾ taza de jugo de naranja, 6 claras, 1 cda de azúcar
Baño: 1 ½ taza de azúcar impalpable, ¼ taza de jugo de naranja

Proceso de elaboración:
Cernir la harina, polvo de hornear y sal.
Colocar en un bols el aceite, las yemas, la ralladura y jugo de naranjas. Mezclar para unir y agregar el azúcar, batir para integrar bien.
Incorporar los ingredientes secos mezclando con batidor de mano.
Batir muy firmes las claras a nieve con la cucharada de azúcar.
Unir las preparaciones mezclando con movimiento envolvente, agregando la mezcla de yemas a las claras.
Verter en molde de tubo central ligeramente enmantecado.
Cocinar en horno moderado por 50 minutos aprox.
Al retirar, dejar enfriar invertida, en lo posible sobre un embudo o sobre una rejilla. Pasar un cuchillo por los bordes y alrededor de la chimenea y desmoldar.
Preparar el siguiente baño para decorar:
Cernir el azúcar impalpable en un bols.
Calentar el jugo de naranja.
Mezclar el jugo, agregándolo al azúcar. Ir agregando el jugo de a poco y utilizar solo lo necesario para lograr la consistencia deseada, espeso como para bañar la torta. Utilizar enseguida, vertiéndolo sobre la torta y dejando que caiga por los constados.